November 2017
M T W T F S S
« Oct    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Recent Comments

    ISTAT: BRUNETTA, ALLUCINAZIONI PER CARBONE, CON CAV ITALIA STAVA MOLTO MEGLIO

     

    Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia:

    “Dopo aver letto le ultime dichiarazioni del responsabile dello Sviluppo economico del Partito Democratico, Ernesto Carbone, sui dati del Pil italiano, non sappiamo sinceramente se ridere o piangere. il professor Carbone deve evidentemente soffrire di qualche forma di allucinazione, dal momento che vede una situazione economica che non esiste. Ci chiediamo: in quale paese ha vissuto il professor Carbone negli ultimi anni?

    Per risvegliargli un po’ la memoria, riportiamo la comparazione del bilancio di fine mandato dell’ultimo governo Berlusconi con quello del governo Renzi. Ebbene, il governo Berlusconi aveva lasciato l’Italia con un tasso di disoccupazione pari all’8,7%, nonostante si trovasse nel pieno della bufera scatenata dalla grande crisi finanziaria internazionale. L’ex premier Matteo Renzi l’ha lasciata, invece, al 12%, quasi 4 punti percentuali in più, nonostante, in quel momento, le principali economie europee fossero già al di sotto della soglia del 10%. La disoccupazione giovanile, sotto l’ultimo governo Berlusconi era al 29,3%; con Renzi è lievitata al 40,1%. Silvio Berlusconi aveva lasciato un debito pubblico di 1.909 miliardi di euro nel 2011. Nel 2016, alla fine del mandato di Renzi, il debito era lievitato alla cifra monstre di 2.229 miliardi. Sotto l’ultimo governo Berlusconi, infine, gli italiani in condizioni di povertà assoluta erano 3.415.000. Con Renzi hanno toccato il record storico di 4.598.000.

    Inoltre, l’egregio professor Carbone dovrebbe sapere che quel poco di crescita in più che l’Italia sta registrando non è da attribuire ad interventi strutturali degli ultimi governi di centro-sinistra, che sono stati di fatto inesistenti, ma a ben 4 manovre finanziarie fatte in deficit con il placet della Commissione Europea che hanno prodotto, tra gli altri effetti negativi, il completo dissesto dei conti pubblici.

    Il massimo del ridicolo, il professor Carbone l’ha però toccato quando ha dichiarato che l’andamento economico recente dell’Italia “ci pone su posizioni di rilievo anche in Europa”.  Si rende conto di cosa sta dicendo? Sa, il professor Carbone, che l’Italia è fanalino di coda in Europa per livello di crescita, ben al di sotto della media europea, ed è ancora lontanissimo dai tassi registrati dagli altri paesi?

    Una sola verità emerge dal fact checking dei dati macroeconomici italiani: l’economia di Carbone del Partito Democratico ha lasciato solo ceneri”.