November 2017
M T W T F S S
« Oct    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Recent Comments

    Interrogazione a risposta immediata dell’On. POLVERINI

     

     Polverini

    L’ On. POLVERINI illustra la sua interrogazione n. 3-00115, sulle iniziative in ordine ad alcune problematiche relative all’applicazione della disciplina sui lavoratori cosiddetti esodati, con particolare riferimento alla situazione del personale dipendente transitato in INPS.

     

    On. Renata Polverini

    Signor Presidente e signor Ministro,

    in seguito alla riforma previdenziale, come lei sa, nel 2011, il Parlamento ha già adottato tre distinti provvedimenti che salvaguardano circa 130.000 unità sulle 300.000 probabilmente interessate. Sulla base dei dati forniti anche dalle associazioni, solo la prima procedura è stata regolarmente conclusa, anzi parzialmente conclusa, mentre per la seconda sarebbero appena arrivate le lettere da parte delle direzioni territoriali del lavoro. Quindi le chiedo intanto se è intenzionato a rendere comunque disponibili tutte le risorse stanziate e che non saranno impiegate nelle prime due procedure (perché su questo ci sono dei dubbi, almeno da parte delle associazioni); se si sono valutate con attenzione le situazioni appunto del personale ex Ipost, che non è riuscito – non ovviamente per propria causa – a contribuire con i contributi volontari e del personale licenziato o esodato in seguito ad accordi collettivi o individuali prima del 2007. Le dico anche che ad oggi l’INPS ha pubblicato sul suo sito 11.384 domande liquidate rispetto alle 130.000.

      

    Prendo atto che uno degli impegni che aveva preso in Commissione lavoro, cioè quello di far pubblicare dall’INPS i dati, da stamattina è stato mantenuto perché, come ho ricordato, il dato che ho citato l’ho preso proprio dal sito dell’INPS. Io non voglio continuare a dare i giudizi che, peraltro, ho già espresso in termini negativi sulla riforma, una riforma che sostanzialmente ha guardato più alla reazione dei mercati che non alle gravi conseguenze che aveva sulle persone. Prendo atto anche del fatto che comunque le risorse non solo ci sono, ma vengono confermate. Dico però anche che, a diciotto mesi dal decreto, il numero delle questioni aperte risulta assolutamente troppo elevato e a quello che ho avuto modo di appurare io nell’interlocuzione con le associazioni rappresentanti gli esodati e verificando anche personalmente, attraverso strutture di patronato, abbiamo una lentezza burocratica che dobbiamo assolutamente rimuovere.
    Troppo in ritardo siamo rispetto a quello che le direzioni del territorio rispetto al lavoro riescono a fare. Quindi, vorrei che lei si prendesse veramente a cuore questa situazione. Ringrazio anche il Presidente e richiamo il Parlamento a fare sì che la questione dei salvaguardati sia tra le prime priorità di questo Governo